Riscaldare casa senza termosifoni e a basso costo non è una missione possibile. Esistono valide alternative ai termosifoni che possono essere associate ad una serie di piccoli (ma utilissimi) accorgimenti. Ne parliamo in questo articolo.

ENGIE
scritto da
ENGIE
Redazione
  1. Casa Engie >
  2. Magazine >
  3. Come riscaldare la casa senza termosifoni: qualche consiglio

Come riscaldare la casa senza termosifoni: qualche consiglio

Come riscaldare la casa senza termosifoni: qualche consiglio

Riscaldare casa senza termosifoni e a basso costo non è una missione possibile. Esistono valide alternative ai termosifoni che possono essere associate ad una serie di piccoli (ma utilissimi) accorgimenti. Ne parliamo in questo articolo.

Come riscaldare senza termosifoni

Riscaldare casa senza termosifoni e a costi contenuti è possibile. Ovviamente la prima cosa da fare è scegliere un sistema di riscaldamento alternativo che consenta di contenere i costi. Vediamo qualche esempio.

  • La stufa a pellet (o stufa a biomassa), rappresenta una soluzione economica ed efficace per riscaldare casa. Questi apparecchi possono riscaldare fino ad oltre 300 mq e sono quindi ideali anche negli open spaces.
  • Anche i riscaldamenti a pavimento e a parete sono due soluzioni alleate del contenimento dei costi. Nel primo caso si sfrutta il principio per cui il calore tende a salire verso l’alto. Ovviamente si tratta di una scelta vantaggiosa se operata nel momento in cui si sta già ristrutturando casa.
  • Il riscaldamento a infrarossi, consente invece di scaldare limitando o azzerando le dispersioni di calore. Non viene scaldata l’aria, ma in maniera diretta le persone o gli oggetti presenti in casa.
  • Anche il riscaldamento elettrico (come stufe a resistenza e termoventilatori) può rappresentare un’alternativa al riscaldamento di casa tramite termosifoni. Questo tipo di stufe ha il vantaggio di poter essere spostato agevolmente da un ambiente all’altro della casa, riducendo di fatto il numero di dispositivi da acquistare. Va detto, però, che consumano molta energia e quindi, se se ne fa un uso prolungato, non rappresentano di certo una soluzione vantaggiosa.

Come ottimizzare il riscaldamento in una casa senza termosifoni

Riscaldare una casa senza termosifoni e a costi bassi è un obiettivo raggiungibile, soprattutto se si rispettano alcune buone regole per evitare dispersione di calore e consumi eccessivi.

Vediamone qualcuna.

  • Qualsiasi sia il sistema di riscaldamento alternativo ai termosifoni, è importante ricordare di impostare la giusta temperatura, che solitamente oscilla tra i 19°C e i 20°C. L’attenzione ai consumi consente di tenere calda la casa senza incorrere in costi eccessivi in bolletta.
  • Isolare casa dalle correnti d’aria esterne e dagli spifferi è una delle regole base per riscaldare l’ambiente domestico spendendo meno. Un’ottima soluzione in tal senso sono gli infissi a risparmio energetico. Porte e finestre non solo vanno adeguatamente schermate dalle correnti fredde, ma vanno anche tenute chiuse. Soltanto chiudendo gli infissi si fa in modo che l’impianto di riscaldamento non compia sforzi inutili per raggiungere la temperatura impostata.
  • Durante i mesi invernali è opportuno favorire il ricambio d’aria e l’ingresso della luce solare, ma bisogna farlo al momento giusto, cioè nelle ore più calde della giornata e senza esagerare, per evitare l’ingresso delle correnti fredde.

Ecco tutti i consigli per riscaldare casa risparmiando energia.

Come riscaldare la casa senza termosifoni: qualche consiglio