Per evitare un’inutile dispersione di calore attraverso porte e finestre, è possibile ricorrere all’installazione di paraspifferi, una soluzione pratica, economica e rapida per isolare l’ambiente domestico. In questo articolo vediamo quali sono le tipologie di paraspifferi disponibili in commercio, come applicarli e come realizzarne una versione fai da te.

ENGIE
scritto da
ENGIE
Redazione
Cerca
  1. Casa Engie >
  2. Magazine >
  3. Tutto sui paraspifferi: cosa sono, come installarli e realizzarli fai da te

Tutto sui paraspifferi: cosa sono, come installarli e realizzarli fai da te

Tutto sui paraspifferi: cosa sono, come installarli e realizzarli fai da te

Per evitare un’inutile dispersione di calore attraverso porte e finestre, è possibile ricorrere all’installazione di paraspifferi, una soluzione pratica, economica e rapida per isolare l’ambiente domestico. In questo articolo vediamo quali sono le tipologie di paraspifferi disponibili in commercio, come applicarli e come realizzarne una versione fai da te.

A cosa servono e come funzionano i paraspifferi

I paraspifferi sono degli ottimi alleati del risparmio energetico, dal momento che impediscono all’aria calda interna di uscire e all’aria fredda esterna di entrare in casa dalle fessure di porte e infissi.  

Per contrastare la dispersione termica, la soluzione definitiva resta la realizzazione del cappotto termico, coadiuvata dall'installazione di infissi a risparmio energetico.  

Tuttavia, è evidente che l’utilizzo dei paraspifferi rappresenta un intervento più immediato e alla portata di tutti: facili da reperire, veloci da installare e, soprattutto, economici. 

Isolare porte e finestre consente di ridurre gli sprechi di energia e la dispersione di calore, permettendo di riscaldare gli ambienti senza dover alzare eccessivamente la temperatura dei riscaldamenti e riducendo, di conseguenza, i costi in bolletta

Vediamo come montare i paraspifferi e tutte le tipologie disponibili in base alle necessità.

Tutte le tipologie di paraspifferi per porte e finestre 

Esistono due macrocategorie di paraspifferi, quelli sottoporta e le guarnizioni isolanti adesive.  

Possiamo classificare i paraspifferi sottoporta in base ai materiali con i quali vengono realizzati: 

  • in PVC flessibile, con spazzolina flessibile  
  • autoadesivi per fondo porta in PVC soffice, per tutti i tipi di pavimento 
  • in alluminio con spazzole, comodi e flessibili 
  • in PVC con spazzola flessibile in feltro, considerati il miglior prodotto anti-spifferi 
  • in PVC rigido, sottoporta con spazzolina rigida 

Esistono poi diverse tipologie di guarnizioni isolanti adesive, sempre caratterizzate dal materiale: 

  • in gomma EPDM, che protegge anche da umidità e polvere  
  • in termoplastico, ideale anche per l’isolamento acustico 
  • in resina espansa, perfette per isolare porte esterne e garage 
  • in PVC espanso, tra i prodotti più versatili e flessibili 
  • in propilene, perfetto per porte e finestre scorrevoli 
  • in materiale antiaderente, perfette per le porte blindate 

Come montare paraspifferi e guarnizioni per finestre e porte

Paraspifferi e guarnizioni non sono difficili da installare, non è necessario chiamare un tecnico o avere a disposizione dei particolari strumenti. Il montaggio è molto veloce e pratico.  

Vediamolo step by step

  1. Se presente, rimuovere il vecchio paraspifferi con premura 
  2. Pulire il telaio per avere una superficie liscia 
  3. Misurare la lunghezza di porte e finestre 
  4. Tagliare le guarnizioni tenendo conto delle dimensioni esatte 
  5. Applicare il paraspifferi, controllando che la finestra o la porta si chiuda senza essere forzata

In pochi passaggi sarà possibile montato correttamente i paraspifferi e apprezzarne fin da subito tutti i vantaggi. 

Come realizzare dei paraspifferi fai da te

I parafreddo “a salsicciotto” sono i paraspifferi fai da te per eccellenza!  

Realizzarli è molto semplice: basta avere della stoffa e della lana o del cotone. Per prima cosa bisogna creare due strisce di stoffa rettangolari e cucire 3 dei bordi. A questo punto si passa all’imbottitura, da realizzare con lana o cotone.  

Come si può facilmente immaginare, rispetto a quelli professionali, i paraspifferi fai da te non isolano molto bene, inoltre possono bagnarsi e assorbire l’umidità.

Vuoi saperne di più sull’isolamento termico?

Tutto sui paraspifferi: cosa sono, come installarli e realizzarli fai da te