Engie

Tutela dei consumatori
finali nel mercato libero

Cos’è il mercato libero dell’energia elettrica?

Il mercato energetico italiano ha subito una trasformazione radicale negli ultimi decenni. A partire dal 1999, anno in cui è stato emanato il celebre Decreto Bersani, si è passati da una situazione configurabile a tutti gli effetti come un monopolio statale a un mercato libero e caratterizzato dalla pluralità di offerte e tariffe. Fino a quel momento, infatti, la società fornitrice era soltanto una. La scelta era ovviamente obbligata e il prezzo dell'energia elettrica era unico e stabilito dall’Autorità di settore (di seguito ARERA - Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente).

La creazione di un mercato unico dell’Energia in Europa e l'adeguamento dei paesi membri ha consentito l'ingresso, nella filiera energetica, del concetto di libera concorrenza in ogni segmento: dall'import, all'export fino alla produzione, all'acquisto e alla vendita di luce e gas.

Il mercato libero dell'energia elettrica, quindi, sta a indicare il mercato in cui le condizioni economiche e contrattuali della fornitura elettrica (e del gas) vengono liberamente pattuite tra le parti. Nel nostro Paese sono presenti più di 400 fornitori di energia elettrica. Ognuno di questi può proporre diverse soluzioni al consumatore, il quale è libero di scegliere quella che meglio si adatta sia alle sue esigenze di spesa ma anche al suo stile di vita e alle abitudini di consumo.

Quando termina il mercato tutelato dell’energia?

Dal 1° luglio 2007 tutti i clienti finali sono considerati “idonei” a scegliere il proprio fornitore di energia elettrica sul mercato libero. Chi non ha deciso di esercitare questa facoltà viene rifornito tramite il “servizio di maggior tutela” erogato dal distributore locale o dalle società di vendita ad esso collegato a condizioni economiche (prezzo) e contrattuali definite dall'Autorità. Tale servizio “pubblico”, come ribadito dalla Legge Concorrenza 2017, ha natura transitoria in quanto la modalità ordinaria di fornitura è costituita dal mercato libero. La liberalizzazione del mercato energetico è avvenuta quindi in modo graduale: il legislatore ha infatti previsto la convivenza pacifica tra il mercato libero e quello tutelato, del quale fanno parte tutti i consumatori che non hanno mai cambiato fornitore di energia elettrica e non hanno sottoscritto nessun contratto nel mercato libero. Il passaggio definitivo si completerà il 10 gennaio 2024, data che decreterà la fine del mercato tutelato.

I clienti, quindi, entro tale data, saranno chiamati a scegliere un fornitore di energia elettrica del mercato libero con il quale sottoscrivere un nuovo contratto. Ricordiamo che il passaggio al mercato libero è gratuito e non comporta l’interruzione delle forniture né il cambio del contatore. Ai fini della garanzia della continuità della fornitura, per tutelare i clienti che si troveranno alla data della fine del regime di tutela privi di un fornitore, il legislatore ha previsto un servizio di ultima istanza denominato “tutele graduali” svolto da società di vendita che si aggiudicheranno il relativo servizio tramite gara.

Quali sono le differenze tra mercato libero e maggior tutela?

È meglio il mercato libero o il tutelato? Se dovessimo riassumere in una sola parola la differenza che intercorre tra il mercato libero e quello regolamentato, sarebbe senza dubbio la libertà, nel primo, di scegliere l’offerta che più soddisfa le esigenze del cliente, esigenze che possono essere orientate sia al risparmio in termini economici sia alla possibilità di ottenere servizi e prestazioni aggiuntive che rispondono meglio ai suoi bisogni: ma attenzione, questo non vuol dire assenza di regole. L’ARERA ha infatti previsto un rigido codice di norme comportamentali per le società del mercato libero, finalizzato alla protezione del cliente , attraverso un rafforzamento degli obblighi di trasparenza informativa e l’adozione di strumenti volti ad accrescerne ulteriormente la consapevolezza e la capacità di valutazione e confronto delle diverse offerte contrattuali.

Quello che rimane, quindi, è semplicemente la facoltà del consumatore di poter scegliere la tariffa migliore, le condizioni contrattuali che preferisce e tutta una serie di vantaggi extra, inesistenti nel Mercato Tutelato. La principale differenza tra i due mercati riguarda proprio i prezzi. Nel mercato regolato la tariffa è determinata dall’Autorità di settore (ARERA) e ogni tre mesi è soggetta a revisione sulla base dell’andamento del mercato all’ingrosso, in particolare sulla base dei costi di acquisto e di dispacciamento sostenuti da Acquirente Unico, a cui è stato affidato il compito di acquistare l’energia e cederla all’esercente la maggior tutela. Grazie alla libera concorrenza invece, il fornitore può determinare autonomamente il prezzo dell'energia elettrica nel mercato libero e proporre tariffe luce diversificate in base al tipo di contratto. 

Quali sono i vantaggi del mercato libero?

Le società presenti nel mercato libero possono offrire il prezzo fisso e bloccato per un periodo che solitamente va dai 12 ai 24 mesi, ma può anche essere superiore, insieme a una serie di benefici come buoni spesa, carburante e la sottoscrizione di vantaggiose polizze assicurative.

In questi anni il settore ha investito molto nell’apertura del mercato. Oltre agli investimenti per aumentare la qualità del servizio, sempre più rapido, efficiente e professionale, il percorso di liberalizzazione costituisce anche un’occasione di sviluppo e di crescita per traguardare gli obiettivi europei di transizione energetica. Per questo motivo, uno degli impegni più importanti dei fornitori riguarda l’attenzione nei confronti dell’ambiente e dell’ecosostenibilità, grazie ai quali sono nate offerte che assicurano che l’energia erogata derivi esclusivamente da fonti rinnovabili.

Come passare al mercato libero?

Il passaggio al mercato libero può essere richiesto in qualsiasi momento ed è sempre gratuito. La procedura inoltre è molto semplice, tutto quello che il cliente deve fare è scegliere una tra le compagnie luce e gas convenienti e contattarla attraverso un canale dedicato. Ad esempio, ENGIE mette a disposizioni molteplici canali per richiedere e attivare un nuovo servizio quali il contatto tramite la pagina Facebook, la chat, il numero di telefono e il sistema “Richiamami”. Per perfezionare il contratto è necessario fornire una serie di informazioni e documenti tra i quali:

  • dati personali dell'intestatario del contratto
  • codice fiscale
  • copia del documento d'identità
  • indirizzo della fornitura
  • codice POD (reperibile in bolletta o sul display del contatore)
  • codice IBAN per l’eventuale domiciliazione bancaria

Il fornitore gestisce tutti gli aspetti amministrativi e burocratici del passaggio, occupandosi anche della disdetta del precedente contratto.

Cos’è la tutela dei consumatori finali nel mercato libero di energia?

In vista del completo superamento del mercato regolato, l’Autorità di settore su impulso della Legge Concorrenza ha già definito degli strumenti a protezione del consumatore: con l’obiettivo di aiutare il cliente a compiere una scelta consapevole sono stati rafforzati gli obblighi di trasparenza informativa in capo agli operatori (riforma del Codice di Condotta Commerciale), definite le offerte PLACET (standard nella formula di prezzo e nelle condizioni economiche) nonché realizzate le piattaforme informatiche per confrontare le offerte disponibili sul mercato e conoscere i propri consumi, rispettivamente Portale Offerte e Portale Consumi. Al contempo, al fine di rafforzare le politiche di sostegno per i clienti in disagio economico, è stata riformata la disciplina del bonus sociale (riforma bonus) creando un automatismo tra le banche dati del sistema energetico e dell’INPS per un ottenimento automatico (senza più presentare una richiesta specifica ai Comuni/CAP) dello sconto in bolletta. Infine, per garantire una maggiore affidabilità dei fornitori nonché accrescere la fiducia nel mercato è stato recentemente approvato l’Albo venditori abilitativo alla vendita di energia.

Perché scegliere ENGIE?

Digitalizzazione, innovazione, risparmio e trasparenza: queste sono le parole chiave delle offerte di ENGIE, l’azienda che lavora per offrirti una serie di multi-soluzioni convenienti e attente all'ambiente. Le offerte luce e gas sono dedicate a te che consideri la sostenibilità e il risparmio due elementi essenziali. Sottoscrivendo l’offerta ENGIE scegli la trasparenza e la convenienza delle tariffe luce e gas, la bolletta 100% digital e una fornitura derivante da fonti rinnovabili. I tuoi vantaggi, inoltre, non finiscono qui perché puoi approfittare dell’innovativo servizio Domuscheck che ti aiuta a monitorare i consumi e a migliorare la spesa energetica. In più, puoi dire addio alle lunghe attese al telefono: il Servizio Clienti è raggiungibile anche tramite WhatsApp per una risposta ancora più veloce, efficiente e professionale!

ENGIE e la tutela dei consumatori finali nel mercato libero

ENGIE collabora con Codici-Centro per i Diritti del Cittadino ONLUS, associazione dei consumatori attiva da oltre vent'anni nella promozione e nella tutela dei diritti del cittadino.

La collaborazione con Codici, ed altre associazioni dei consumatori, rappresenta uno stimolo, per realtà come ENGIE, a migliorare la qualità e le caratteristiche dei servizi forniti in funzione delle esigenze dei consumatori.

Proprio grazie a questa stretta collaborazione, ENGIE vuole essere sempre chiara e trasparente a partire dal testo delle Condizioni Generali – che costituiscono parte integrante del contratto di fornitura di energia elettrica – e le sue clausole contrattuali.

Trasparenza nella sottoscrizione di un contratto di energia

Posso richiedere una copia della registrazione telefonica del contratto sottoscritto?

Alla sottoscrizione di un contratto per via telefonica, la registrazione di sottoscrizione viene inviata tramite e-mail (se disponibile una e-mail lato cliente) o tramite CD-ROM presso l’indirizzo postale dell’utente.

È possibile anche richiedere, in qualsiasi momento, una copia del file MP3 contenente la registrazione della “Richiesta di fornitura” e/o della “Chiamata di Conferma” scrivendo direttamente all’indirizzo mail puntodicontatto@engie.com, allegando copia di un documento di riconoscimento.

I consulenti ENGIE sono disponibili al numero verde 800422422, attivo dal lunedì al sabato dalle 8:00 alle 22:00 (esclusi i festivi).

Per maggiori dettagli sulle condizioni generali e particolari di fornitura delle offerte residenziali di ENGIE per il mercato libero, scarica il PDF dalla sezione Documenti.