Incoraggiati da un mercato dell'energia in crescita, sempre più utenti stanno scegliendo di effettuare il passaggio al mercato libero: lo dicono i dati dell'ultimo monitoraggio ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), che fotografa lo stato del settore dell'energia elettrica con dati aggiornati a settembre 2021. Vediamo insieme i numeri e i motivi di questa scelta.

ENGIE
scritto da
ENGIE
Redazione
  1. Casa Engie >
  2. Magazine >
  3. Sempre più famiglie scelgono di passare al mercato libero: numeri e motivi

Sempre più famiglie scelgono di passare al mercato libero: numeri e motivi

Sempre più famiglie scelgono di passare al mercato libero: numeri e motivi

Incoraggiati da un mercato dell'energia in crescita, sempre più utenti stanno scegliendo di effettuare il passaggio al mercato libero: lo dicono i dati dell'ultimo monitoraggio ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), che fotografa lo stato del settore dell'energia elettrica con dati aggiornati a settembre 2021. Vediamo insieme i numeri e i motivi di questa scelta.

Passaggio mercato libero: i numeri del cambiamento 

La percentuale di utenti che ha effettuato il passaggio al mercato libero per l'energia elettrica ha raggiunto il 59,7% per le famiglie, con una crescita di +2,4% in 6 mesi, e il 70,4% per le imprese, con la stessa percentuale di crescita.  
Nel settore del gas, invece, si conta il 62% dei clienti domestici, con un aumento del 1,8%, e il 71,3% dei condomini, con un aumento del 1,4%.  

Il passaggio da maggior tutela a mercato libero è stato fatto da gran parte degli utenti in maniera proattiva, senza attendere una proposta da parte delle società di energia, ma confrontando autonomamente online le offerte luce e gas e contattando personalmente l'azienda individuata. 

In particolare, sembra che la fascia di età più orientata al passaggio al mercato libero sia quella dei più giovani. L'83,1% dei contratti è stato infatti siglato da utenti tra i 18 e i 29 anni. Quella del passaggio al mercato libero rimane comunque la scelta maggioritaria fino ai 79 anni, seppur in percentuali minori man mano che l’età sale. 

Passaggio al mercato libero: cambio di gestore sì o no?

La ricerca di ARERA ha rilevato anche che, sia per il settore elettrico che per il gas, i cambi di gestore vengono effettuati soprattutto da utenti che avevano già effettuato precedentemente il passaggio al mercato libero. Tra coloro che invece escono dalla maggior tutela, più del 50% sceglie di restare con lo stesso gestore, ma optando per un'offerta di mercato libero

Il panorama offerte del mercato libero 

Dopo un'iniziale esplosione di proposte all'interno del mercato libero, oggi il numero di offerte luce e gas è diminuito, ma è aumentata la convenienza per gli utenti e le conseguenti possibilità di risparmio: obiettivo prioritario soprattutto a fronte del recente rincaro dell’energia.  
Il 31 dicembre 2021 nel portale ARERA si contavano circa 3.881 offerte: 2.036 nel settore elettrico (1.062 per i clienti domestici e 974 per i non-domestici) e 1.814 nel settore gas naturale (786 per i clienti domestici, 409 per i condomini uso domestico e 619 per i non-domestici).  
Di queste offerte, sia per l'elettricità che per il gas, una buona parte è a prezzo fisso. 

Verso la fine del mercato tutelato

Il trend che vede sempre più utenti effettuare il passaggio al mercato libero sembra destinato a crescere, tanto più considerata la liberalizzazione del mercato energetico e il termine della maggior tutela, fissato al 1° gennaio 2023. 
Con la fine del mercato tutelato gli utenti saranno comunque chiamati a scegliere un fornitore del mercato libero gas e luce. Il passaggio al mercato libero, così come il passaggio da un gestore all’altro, è completamente gratuito e non prevede alcune interruzioni del servizio o interventi sul contatore. 

Sempre più famiglie scelgono di passare al mercato libero: numeri e motivi