L’illuminazione è un elemento fondamentale nella creazione di un angolo studio, lettura e lavoro. Una luce sbagliata può affaticare inutilmente gli occhi e disturbare il naturale ritmo circadiano. Al contrario, una corretta illuminazione da scrivania renderà più semplice ogni attività, anche se protratta per diverse ore al giorno. Vediamo insieme tutte le opzioni disponibili e i fattori da valutate.

ENGIE
scritto da
ENGIE
Redazione
  1. Casa Engie >
  2. Magazine >
  3. Illuminazione scrivania: come scegliere la migliore soluzione

Illuminazione scrivania: come scegliere la migliore soluzione

Illuminazione scrivania: come scegliere la migliore soluzione

L’illuminazione è un elemento fondamentale nella creazione di un angolo studio, lettura e lavoro. Una luce sbagliata può affaticare inutilmente gli occhi e disturbare il naturale ritmo circadiano. Al contrario, una corretta illuminazione da scrivania renderà più semplice ogni attività, anche se protratta per diverse ore al giorno. Vediamo insieme tutte le opzioni disponibili e i fattori da valutate.

Lampada da scrivania: luce calda o fredda? 

Per la scelta corretta dell’illuminazione della scrivania, bisogna prendere in considerazione le proprietà legate alla temperatura della luce.  

  • La luce calda crea un’atmosfera confortevole ma poco adatta allo studio intenso, mentre potrebbe andare benissimo per un angolo lettura da utilizzare prima di andare a dormire. Le lampadine a luce calda emettono inoltre meno raggi UV e, quindi, affaticano meno gli occhi. 
  • La luce fredda, invece, ha una lunghezza d’onda più vicina alla luce naturale. Alcune ricerche hanno dimostrato che è più indicata per gli ambienti di studio e lavoro, per quanto la sua tonalità – simile a quella emessa dagli schermi di computer e cellulari – possa alla lunga affaticare lo sguardo. È comunque la temperatura di luce più adatta a chi ha bisogno di concentrarsi, ed è quindi quella consigliata per ambienti come uffici e aree di studio e lavoro.

Luce da scrivania: tutte le caratteristiche 

Facciamo adesso alcune considerazioni su quali elementi dovrebbero essere imprescindibili nella scelta dell’illuminazione da scrivania.  

  • Illuminazione scrivania LED: le lampadine LED sono estremamente durature (oltre 50.000 ore) e sono la scelta più ecologica, garantendo un consumo di energia elettrica notevolmente ridotto. La luce da scrivania LED dovrebbe avere una potenza di almeno 5 W.  
  • Flusso luminoso: si tratta della potenza luminosa della luce da scrivania e si misura in lumen. Una lampada da scrivania dovrebbe avere tra 200 e 500 lumen. 
  • Indice di resa cromatica: si misura in Ra e indica il livello di distorsione del colore causato dalla luce. Più alto il numero, minore è la distorsione. Il valore di Ra per una luce da scrivania tipo luce naturale dovrebbe essere pari o superiore a 80. 

Il design dell’illuminazione da scrivania 

Una volta individuate tutte le caratteristiche che avrà la luce da scrivania, è necessario sceglierne la tipologia e il design

Tra le opzioni LED, ci sono ottime luci da scrivania senza fili, ricaricabili tramite un semplice cavo USB e con un’autonomia di diverse ore.  

Vi sono poi lampade con braccio articolato, perfette per chi ha bisogno di orientare la luce, le comuni lampade da appoggio e le luci da scrivania a pinza o morsetto, che vengono fissate al bordo di un tavolo o di una superficie e consentono un notevole risparmio di spazio.

Illuminazione scrivania: come scegliere la migliore soluzione