Si sente sempre più spesso parlare di RAEE, ovvero i rifiuti elettronici. Lo smaltimento di questo particolare tipo di rifiuti è regolato da specifiche direttive: è fondamentale farlo correttamente per non inquinare l’ambiente e non incorrere in sanzioni. Approfondiamo meglio le direttive che regolano lo smaltimento di rifiuti RAEE. 

ENGIE
scritto da
ENGIE
Redazione
  1. Casa Engie >
  2. Magazine >
  3. Guida pratica al RAEE: come smaltire correttamente i rifiuti elettronici

Guida pratica al RAEE: come smaltire correttamente i rifiuti elettronici

Guida pratica al RAEE: come smaltire correttamente i rifiuti elettronici

Si sente sempre più spesso parlare di RAEE, ovvero i rifiuti elettronici. Lo smaltimento di questo particolare tipo di rifiuti è regolato da specifiche direttive: è fondamentale farlo correttamente per non inquinare l’ambiente e non incorrere in sanzioni. Approfondiamo meglio le direttive che regolano lo smaltimento di rifiuti RAEE. 

Cosa sono i rifiuti RAEE?

Partiamo dalle basi, definendo il significato di RAEE.
R.A.E.E. è la sigla che sta per “Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche”, comunemente chiamati rifiuti elettronici. Si tratta dei grandi e piccoli elettrodomestici che ormai non funzionano più e devono essere smaltiti. 

Alcuni esempi classici di rifiuti RAEE sono: 

Perché è importante smaltire correttamente i rifiuti RAEE?

Smaltire correttamente i rifiuti R.A.E.E. è fondamentale per evitare di inquinare l’ambiente e per non danneggiare la propria salute. 

Oltre ad evitare la dispersione nell’ambiente di materiale inquinante, inoltre, il corretto smaltimento consente di riciclare componenti riutilizzabili per nuove apparecchiature elettroniche. Basti pensare che da un frigorifero si può estrarre fino ad un kg di rame e da una lavatrice ben 40 kg di ferro.  

Abbandonare i rifiuti non è solo eticamente sbagliato, ma è punibile con sanzioni amministrative fino a 3.000 euro, che possono raddoppiare nel caso di rifiuti tossici. 

Come smaltire i rifiuti RAEE tutelando l’ambiente

Non è raro trovare lavatrici, frigoriferi e televisori abbandonati accanto ai cassonetti o, peggio, nei boschi o nei parchi. Infatti, solo il 25% dei rifiuti RAEE viene smaltito correttamente, nonostante sia una pratica facile da seguire. 

Le direttive del Centro di Coordinamento RAEE (o CdC RAEE) sono chiare. 

  • Questo genere di rifiuti può essere: 
  • Lasciato nell’isola ecologica del proprio comune; 
  • Rottamato, cioè consegnato nel negozio dove si sta acquistando un nuovo elettrodomestico, senza costi aggiuntivi; 
  • Ritirato direttamente a casa, chiamando il numero verde dell’azienda che collabora con il proprio comune per la raccolta dei rifiuti speciali o ingombranti.  

Cos’è l’Eco-contributo RAEE?

Da qualche anno a questa parte, nei negozi di elettrodomestici ed elettronica ci imbattiamo nella voce “eco-contributo RAEE incluso” associata al prezzo di vendita di un prodotto elettronico. Ma cos’è esattamente il contributo RAEE? 

L’eco-contributo RAEE non è altro che un contributo ambientale interamente dedicato alla gestione dei rifiuti elettronici. Il Decreto Legislativo 151/2005, infatti, obbliga i produttori a gestire questi rifiuti a tutela di salute e ambiente. 

RAEE BOX: dove e come usufruirne

Non tutte le apparecchiature elettroniche sono ingombranti e di grandi dimensioni.  
In casa spesso ci sono telefonini e piccoli elettrodomestici che vengono gettati per comodità nell’indifferenziato.  

Ti sarà utile sapere che in alcuni negozi puoi trovare i RAEE BOX: si tratta di contenitori di raccolta differenziata che aiutano a smaltire i rifiuti elettronici di grandezza non superiore ai 25 cm.  
Questo servizio è gratuito e viene chiamato “uno contro zero”, puoi trovarlo nelle attività commerciali e nei negozi con una superficie di almeno 400 mq.

L’importanza della dichiarazione RAEE: chi è tenuto a farla?

Il MUD è una dichiarazione RAEE che ogni anno deve essere correttamente compilata, pena multe salatissime e pesanti sanzioni. Chi è tenuto a compilarla? Vediamolo insieme: 

  • Aziende che si occupano di raccolta e trasporto di rifiuti; 
  • Imprese che trattano rifiuti pericolosi; 
  • Imprese che si occupano di operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti; 
  • Attività ed intermediari di rifiuti senza detenzione.  

Fai la scelta giusta: contribuisci alla salvaguardia dell’ambiente e della tua salute smaltendo correttamente i rifiuti RAEE.  Dopo aver letto questa guida, sarà ancora più facile! 

Guida pratica al RAEE: come smaltire correttamente i rifiuti elettronici