Il lavoro da remoto sta caratterizzando la vita professionale di tantissimi lavoratori e lavoratrici e, negli ultimi due anni, si è diffuso in tutti i settori in cui è possibile. A fronte dei benefici, tuttavia, non si può non considerare anche un inevitabile aumento in bolletta dei consumi in smart working. Ne parliamo in questo articolo. 

ENGIE
scritto da
ENGIE
Redazione
  1. Casa Engie >
  2. Magazine >
  3. Smart Working: 4 consigli per ridurre i consumi di luce e gas

Smart Working: 4 consigli per ridurre i consumi di luce e gas

Smart Working: 4 consigli per ridurre i consumi di luce e gas

Il lavoro da remoto sta caratterizzando la vita professionale di tantissimi lavoratori e lavoratrici e, negli ultimi due anni, si è diffuso in tutti i settori in cui è possibile. A fronte dei benefici, tuttavia, non si può non considerare anche un inevitabile aumento in bolletta dei consumi in smart working. Ne parliamo in questo articolo. 

Smart working: pro e contro

Nato come una misura emergenziale, il lavoro agile è diventato per molti la nuova normalità. Tra i tanti benefici – minor carico sui mezzi pubblici e sul traffico stradale, riduzione del pendolarismo e dei tempi “morti” degli spostamenti, risparmio sul carburante e diminuzione dell’inquinamento causato dai mezzi di trasporto privati – si affacciano anche le preoccupazioni dei consumatori per l’impatto sulle bollette che può avere il lavoro da casa, in particolare su quelle di elettricità e gas. Facciamo quindi chiarezza sui consumi in smart working e su come ridurre gli sprechi in modo che l’impatto sulle bollette sia il minore possibile.

Smart working: quanto incide sui consumi?

Quanto si spende di più di luce e gas lavorando da casa? Prendiamo in considerazione un nucleo familiare con due persone che lavorano da remoto con 2 computer portatili accesi per otto ore. Calcolando un costo medio dell’elettricità pari a 0.20 €/kWh, il consumo dello smart working nell’arco di una giornata è di circa 0,24 kWh, con un costo di 4,8 centesimi al giorno. A questi vanno aggiunti i consumi di uno schermo acceso otto ore al giorno, una TV per 5 ore e un router per 8 ore, e si arriva a una spesa giornaliera di circa 12 centesimi. Con una settimana lavorativa di 5 giorni, la variazione in bolletta dovrebbe essere quindi di circa 2 euro in più al mese, che possono arrivare a circa 3 euro con i rincari del primo trimestre del 2022

Ai consumi dei dispositivi elettronici vanno aggiunti quelli della luce, che sarà accesa più spesso durante il giorno, quelli dell’elettricità per i condizionatori durante l’estate e quella del gas per riscaldare la casa durante l’inverno, oltre che per cucinare i pasti durante il giorno. Se infine la casa ha dovuto dotarsi di una connessione in fibra in grado di far connettere più dispositivi senza rallentamenti, i costi mensili per lo smart working possono alzarsi sensibilmente. 

Come risparmiare sui consumi dello smart working? 

  1. Circa il 10% dell’energia elettrica in un’abitazione viene consumata da dispositivi inattivi, ma collegati alle prese della corrente. Per diminuire questi sprechi, è consigliabile scollegare dalla rete elettrica tutti i dispositivi che non sono in funzione, come per esempio schermi, computer e televisori, e prevedere tempi di stand-by brevi per laptop e computer. 
  2. Per minimizzare il consumo di energia per l’illuminazione, è una buona idea posizionare il proprio ufficio casalingo in una stanza ben illuminata, così da poter godere a pieno delle ore di luce naturale.  
  3. Sostituire le lampadine tradizionali con alternative a led, ugualmente potenti ma più efficienti dal punto di vista energetico, può senz’altro aiutare a ridurre i consumi dello smart working.  
  4. Soprattutto durante i più rigidi mesi invernali, un termostato intelligente aiuterà a regolare la temperatura in casa in modo da annullare gli sprechi senza dover rinunciare a un ambiente ben riscaldato e confortevole. 
  5. Infine, per ridurre i costi in bolletta, è consigliabile passare ad un'offerta luce e gas più conveniente e adatta alle proprie rinnovate esigenze.

Smart Working: 4 consigli per ridurre i consumi di luce e gas