Chiunque utilizzi una e-bike sa bene quanto sia importante conoscerne l’autonomia per evitare brutte sorprese. Questa informazione, infatti, consente di prevedere o calcolare quanti km è possibile percorrere prima di dover effettuare una nuova ricarica. Scopriamo di più sui fattori che incidono sull’autonomia della bici elettrica e qualche consiglio per prolungare la durata della batteria.

ENGIE
scritto da
ENGIE
Redazione
  1. Casa Engie >
  2. Magazine >
  3. Migliora l’autonomia della tua e-bike! Ecco cosa devi sapere

Migliora l’autonomia della tua e-bike! Ecco cosa devi sapere

Migliora l’autonomia della tua e-bike! Ecco cosa devi sapere

Chiunque utilizzi una e-bike sa bene quanto sia importante conoscerne l’autonomia per evitare brutte sorprese. Questa informazione, infatti, consente di prevedere o calcolare quanti km è possibile percorrere prima di dover effettuare una nuova ricarica. Scopriamo di più sui fattori che incidono sull’autonomia della bici elettrica e qualche consiglio per prolungare la durata della batteria.

Quali fattori incidono sull’autonomia della bici elettrica? 

L’e-bike ed il monopattino elettrico sono tra i mezzi di trasporto più sostenibili insieme alle auto elettriche e ibride. Come accade per quest’ultimi, anche la bici elettrica garantisce una certa autonomia che permette di spostarsi per percorsi più o meno lunghi.  

Ma da cosa dipende esattamente la durata della batteria di una bici elettrica? 

Oltre a fattori tecnici, come la potenza del motore e la capacità della batteria stessa, sono diversi i fattori esterni che possono incedere sull’autonomia della bici elettrica. 

Vediamo i principali. 

  1. Peso totale della bici, più il passeggero ed eventuali bagagli: maggiore è il peso complessivo, più alto sarà lo sforzo richiesto al mezzo per spostarsi. 
  2. Postura del ciclista: eccessive oscillazioni del corpo e un’andatura non armonica, causano maggiore attrito del vento e, di conseguenza, uno spreco di energia. 
  3. Velocità media e frequenza di pedalata: un’andatura non costante e con strappi riduce l’autonomia della batteria. 
  4. Battistrada e pressione delle gomme: condizioni non ottimali aumentano lo sforzo di pedalata e, quindi, il consumo di energia. 
  5. Tipo di percorso e terreno: tracciati dissestati, irregolari o scoscesi, anche a parità di chilometraggio, richiedono un maggiore dispendio di energia. 
  6. Temperatura: quando la batteria lavora a temperature troppo alte o troppo basse, l’autonomia diminuisce. Andrebbe tenuta a temperature medie almeno quando non è in funzione e durante la ricarica, che può essere effettuata utilizzando una normale presa di corrente elettrica di casa.

Posso calcolare l’autonomia della bici elettrica?

Sfortunatamente non esiste un calcolo per determinare con esattezza l’autonomia della bici elettrica. La durata della ricarica, però, può essere calcolata indicativamente tenendo conto dei fattori sopra citati.  

La formula è semplice ed i dati sono reperibili sul libretto delle istruzioni della tua bici elettrica. Vediamolo nel dettaglio: 

  1. Controllare il numero di volts (V) della batteria; 
  2. Annotare il dato che indica il numero di ampere-ora (Ah); 
  3. Moltiplicare tra loro i due fattori scoprendone il risultato;  
  4. Controllare la potenza del motore della propria bici: 
  • Se di 250W, bisognerà dividere il risultato per 20 per conoscere l’autonomia minima e per 10 per conoscere la massima; 
  • Se di 500W, dividere per 25 per la minima e per 15 per la massima; 
  • Se di 750W, dividere per 30 per la minima o per 20 se si vuole conoscere la massima. 

Facciamo un esempio pratico: per una e-bike con motore 250W e valori di batteria 36V-13Ah, l’autonomia massima sarà di circa 47 km.

3 consigli pratici per aumentare l’autonomia dell’e-bike

Sul valore indicativo di autonomia della bici elettrica, incidono anche delle piccole accortezze che sarebbe meglio seguire. Ecco qui 3 consigli pratici da tenere in conto se vuoi aumentare l’autonomia della bici elettrica: 

  1. Attenzione all’assistenza della pedalata: cerca di attivare l’assistenza solo nel momento in cui la pedalata potrebbe risultare troppo difficile, come nelle lunghe salite in pendenza. 
  2. Usa bene le marce e cerca di mantenere un ritmo di pedalata di minimo 50 giri al minuto, questo ti consentirà di non incidere troppo sulla durata della batteria; 
  3. Pianifica i tuoi percorsi, così da regolare i tempi e magari decidere una tappa del percorso in cui sarà possibile ricaricare la batteria; 

Ora che ne sai di più sull’autonomia della bici elettrica, potrai programmare i tuoi percorsi con più facilità ed evitare brutte sorprese. 

Migliora l’autonomia della tua e-bike! Ecco cosa devi sapere