La regolare manutenzione è una condizione fondamentale per ottimizzare la resa di un impianto fotovoltaico e garantirgli una lunga durata. Per fare maggiore chiarezza sull’argomento, rispondiamo allora alle 5 domande più frequenti sulla manutenzione fotovoltaico.

ENGIE
scritto da
ENGIE
Redazione
  1. Casa Engie >
  2. Magazine >
  3. Manutenzione fotovoltaico: le 5 domande più frequenti

Manutenzione fotovoltaico: le 5 domande più frequenti

Manutenzione fotovoltaico: le 5 domande più frequenti

La regolare manutenzione è una condizione fondamentale per ottimizzare la resa di un impianto fotovoltaico e garantirgli una lunga durata. Per fare maggiore chiarezza sull’argomento, rispondiamo allora alle 5 domande più frequenti sulla manutenzione fotovoltaico.

5 domande frequenti sulla manutenzione del fotovoltaico 

Un sistema fotovoltaico può avere un ciclo di vita di almeno 25 anni con minime perdite di rendimento, a patto che venga manutenuto regolarmente. Per tale motivo, chi sceglie questa fonte di energia alternativa di solito stipula anche un contratto di manutenzione dell’impianto fotovoltaico che ne assicuri il corretto funzionamento nel tempo.  

Rispondiamo alle 5 domande più frequenti sul tema, da cosa prevede un piano di manutenzione dell’impianto fotovoltaico al prezzo che si può trovare sul mercato per questo tipo di intervento. 

1. In cosa consiste la manutenzione ordinaria di un impianto fotovoltaico? 

Quando parliamo di manutenzione del fotovoltaico ordinaria, ci riferiamo agli interventi volti a contenere il normale degrado del sistema. Sono ordinari tutti gli interventi di piccola entità, in cui la struttura dell’impianto non viene toccata.  

Alcuni esempi sono la pulizia dei pannelli dell’impianto, la verifica delle strutture di sostegno e dell’integrità di cavi e connettori, nonché la sostituzione di quelli usurati. Durante la manutenzione ordinaria del fotovoltaico viene anche effettuata la verifica dei moduli con la termocamera, utile a individuare eventuali hot spot e a intervenire prima che questo rappresenti un rischio d’incendio. 

2. In cosa consiste la manutenzione straordinaria di un impianto fotovoltaico? 

La manutenzione straordinaria dell’impianto fotovoltaico consiste, invece, in interventi che vanno a modificare le componenti strutturali dell’impianto. La manutenzione straordinaria diventa necessaria quando la resa dell’impianto fotovoltaico inizia a calare, oppure quando vengono rilevati dei veri e propri guasti. 

3. Qual è il costo della manutenzione del fotovoltaico? 

Ora che sappiamo in che cosa consiste e a che cosa serve, cerchiamo di capire qual è il costo di manutenzione dell’impianto fotovoltaico.  

  • Il costo di una manutenzione ordinaria affidata a una ditta specializzata varia in base al tipo di impianto, alle sue dimensioni e alle condizioni dei pannelli, e può quindi variare dai 100 ai 300 euro, su cui si applica l’aliquota IVA standard al 22%.  
  • Il costo di una manutenzione straordinaria, invece, varia in base all’intervento necessario, e vi si applica l’IVA agevolata al 10%. 

4. A chi devo comunicare i lavori di manutenzione fotovoltaico?

I lavori di manutenzione del fotovoltaico o il suo ammodernamento vanno comunicati al GSE, ma solo se comportano delle modifiche rilevanti all’impianto. La sostituzione di componenti principali, come per esempio inverter e moduli, vanno comunicati entro 60 giorni dal loro completamento.  

Non c’è invece obbligo di comunicazione al GSE per tutti quei lavori di manutenzione ordinaria e per la sostituzione di componenti elettrici minori.

5. La manutenzione di un impianto fotovoltaico è obbligatoria?

  • La manutenzione dell’impianto fotovoltaico non è obbligatoria per gli impianti con potenza inferiore a 11,08 kW, per quanto sia comunque caldamente raccomandata per preservare le prestazioni dell’impianto. 
  • La manutenzione dell’impianto fotovoltaico è invece obbligatoria se la sua potenza supera gli 11,08 kW. Per questi impianti è obbligatorio controllare i sistemi di interfaccia tra inverter e rete connessi. La revisione dell’interfaccia va effettuata ogni 5 anni da tecnici qualificati, che rilasciano una scheda firmata che andrà poi inviata al gestore di rete. 

Hai altri dubbi sul fotovoltaico?

Manutenzione fotovoltaico: le 5 domande più frequenti