La friggitrice ad aria è l'elettrodomestico del momento: nessuno sembra più volerne fare a meno. Ma cosa distingue una friggitrice ad aria da un classico forno elettrico? Quanto consuma? Può aiutarci davvero a risparmiare in bolletta? Scopriamo tutto sulle tipologie, sulle funzionalità e sui consumi della friggitrice ad aria.

ENGIE
scritto da
ENGIE
Redazione
Cerca
  1. Casa Engie >
  2. Magazine >
  3. Consumi friggitrice ad aria: conviene davvero?

Consumi friggitrice ad aria: conviene davvero?

Consumi friggitrice ad aria: conviene davvero?

La friggitrice ad aria è l'elettrodomestico del momento: nessuno sembra più volerne fare a meno. Ma cosa distingue una friggitrice ad aria da un classico forno elettrico? Quanto consuma? Può aiutarci davvero a risparmiare in bolletta? Scopriamo tutto sulle tipologie, sulle funzionalità e sui consumi della friggitrice ad aria.

Come funziona la friggitrice ad aria?

La caratteristica principale che rende unica la friggitrice ad aria è la possibilità di “friggere” senza olio o burro.  

Ovviamente non si tratta di una vera frittura, ma di una cottura più sana, equilibrata e senza grassi, che resta comunque appetitosa e gustosa.  

Ma com’è possibile che la friggitrice ad aria possa cuocere senza l’immersione degli alimenti nell’olio?  
Il funzionamento è molto semplice: la camera di cottura accumula tanta aria calda fino a raggiungere una temperatura tale da cuocere gli alimenti creando una sorta di “effetto fritto”. La friggitrice ad aria è un’ottima alleata anche in termini di sostenibilità, in quanto non è necessario smaltire l’olio esausto e, soprattutto, i tempi di cottura sono molto più veloci rispetto quelli di un forno tradizionale.

Tutte le tipologie di friggitrice ad aria

Quando acquistiamo un nuovo elettrodomestico è sempre importante dare prima un’occhiata alla classe energetica, alle dimensioni e alle varie tipologie disponibili.  

Nel caso della friggitrice ad aria possiamo optare tra 3 diversi tipi di apparecchio:  

  • A fornetto, perfetta per cuocere più porzioni di cibo. È dotata di vassoio raccogli grasso e spiedo per cuocere 
  • A cassetto, più piccola e pratica, dotata di un cestello estraibile nel quale sistemare i cibi da cuocere  
  • Multifry, parliamo di modelli molto versatili, ma meno potenti. Consentono di preparare anche alimenti come stufati, dolci e pizza.

Quanto consuma una friggitrice ad aria?

I consumi di una friggitrice ad aria possono variare tra 1,3 kWh e 2 kWh. Molto dipende dalle dimensioni e dal modello scelto.  

Per calcolare i consumi di una specifica friggitrice ad aria in un’ora di utilizzo è sufficiente moltiplicare questo dato (reperibile sulla confezione) per il costo di un kWh secondo la tariffa di energia elettrica sottoscritta con il proprio fornitore. 

Come per ogni elettrodomestico, scegliere un’offerta luce vantaggiosa contribuisce quindi a rendere ancora più conveniente l’utilizzo della friggitrice ad aria.

Cosa cambia tra il forno e la friggitrice ad aria?

Abbiamo visto come calcolare i consumi di una specifica friggitrice ad aria. Ma, in generale, cosa differenzia un forno da una friggitrice ad aria in termini di tempi di cottura e di consumi? 

I consumi del forno elettrico vanno da un minimo di 0,9 kWh fino a 1,5 kWh. In termini assoluti, meno di una friggitrice ad aria. Nel forno elettrico è anche possibile cuocere più pietanze nello stesso momento.  

Tuttavia, bisogna tener conto del fatto che i tempi di cottura del forno tradizionale sono più lunghi di quelli in friggitrice ad aria. Inoltre, il forno va preriscaldato, mentre la friggitrice ad aria inizia immediatamente a cuocere i cibi.  

Per esempio, una porzione di patate, che richiede almeno mezz’ora di cottura in forno elettrico tradizionale, in 15 minuti sarà già pronta se cotta nella friggitrice ad aria. 

Detto ciò, la friggitrice ad aria conviene davvero?  
La risposta è sì, se la friggitrice ad aria viene usata correttamente e il suo impiego coincide anche con la scelta di una tariffa luce conveniente.

Stai cercando una tariffa luce adatta a te?

Consumi friggitrice ad aria: conviene davvero?